Una delegazione del Parlamento delle Fiandre ha visitato CremonaFiere: incontro con gli stakeholder del territorio per discutere di agro-zoootecnia

CremonaFiere scelta per rappresentatività e individuata come fulcro del settore: è una tappa della cinque-giorni del viaggio in Lombardia del gruppo di parlamentari

Una delegazione del Parlamento delle Fiandre – Commissione Agricoltura, Pesca e Politiche Rurali, guidata dal vice presidente Bart Dochy, ha visitato oggi CremonaFiere per incontrare i rappresentanti degli stakeholder del territorio e discutere un’agenda di argomenti insieme con organismi e associazioni dell’ambito zootecnico.

CremonaFiere, sede della manifestazione internazionale italiana di riferimento per la zootecnia “Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona”, è la tappa dedicata al comparto dell’allevamento in un itinerario di cinque giornate che sta portando la delegazione parlamentare belga a incontrare i più importanti attori del settore agro-zootecnico nella Regione Lombardia.

La delegazione è stata accolta al quartiere fieristico da Corrado Boni, vice presidente di CremonaFiere, Riccardo Crotti, consigliere di CremonaFiere, insieme con Roberto Biloni, vice presidente della Camera di Commercio di Cremona e con i rappresentanti del Crea – Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, e di altre associazioni e organismi del settore agro-zootecnico.

Nel corso dell’incontro la Commissione ha approfondito le conoscenze sull’evoluzione delle aziende agro-zootecniche lombarde, le politiche di gestione delle attività agricole nel rispetto dell’ambiente, la tutela del benessere animale e lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile in agricoltura e zootecnia.

L’attenzione riservata a CremonaFiere dalla delegazione, accolta nei giorni scorsi dai vertici istituzionali della Regione Lombardia, conferma il polo cremonese come punto di riferimento per il settore agro-zootecnico tanto in Italia quanto all’estero così come la vocazione internazionale del centro espositivo, da sempre impegnato nella creazione di una fitta rete di connessioni con imprese e istituzioni estere in un percorso capace di seguire un doppio binario: alta specializzazione e internazionalità.